Giaq's Weblog

L’LHC, o il trionfo di Thanatos

Posted in Uncategorized by giaq on 11 luglio 2008

Mi dicono che tra un mese accendono l’LHC, ossia lo strumento che l’umanita’ ha scelto per dare seguito a quella pulsione autodistruttiva troppo a lungo rimasta latente. Si sa che le cose latenti ribollono un po’, sommessamente a volte, in modo piu’ energico altre. Si vedano i suicidi per il primo caso, le guerre per il secondo. La cottura pero’ e’ ormai ultimata, ci siamo rotti i coglioni di noi stessi e lo abbiamo fatto giusto un attimo (storicamente parlando) prima dell’arrivo della singolarita’ tecnologica che ci avrebbe per sempre liberato dalla paura della morte (e quindi, in ordine decrescente di assurdita’, anche da: Dio, i preti, i medici, gli psicologi). Avremmo potuto finalmente digitalizzare le nostre menti e vagare liberi per la rete annullando spazio tempo e fastidiosi limiti fisici. Per sempre. Avremmo potuto creare quindi un software raffinatissimo all’interno del quale, a partire da poche semplici regole, piccoli ed elementari automi avrebbero potuto vivere ed evolversi e, magari, un giorno iniziare a chiamarci Dio. Tipo quello che facciamo noi. In effetti inizierebbero forse anche a bestemmiare e la cosa potrebbe non piacermi, ma in tal caso mi riservo il diritto di resettare la macchina e sterminarli tutti.

Comunque, no. niente di tutto questo. Perche’ abbiamo deciso di accendere la centrifuga per buchi neri e smettere di soffrire. Come un cazzo di maratoneta che dopo 4 milioni di kilometri impazzisce e si getta sotto un tir che sfreccia nella corsa a fianco, ancora aperta al traffico per non turbare eccessivamente la viabilita’.

Io, per quel che mi riguarda, cerchero’ almeno di non guardarci dentro perche’ ho paura che mi risucchi le palle degli occhi.

Fossi Gandalf direi: “fuggite, sciocchi”

Annunci

4 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Kickboxer said, on 11 luglio 2008 at 358

    In realta’ e’ gia’ tutto funzionante. Il buco nero c’e’ e attira tutto cio’ che gravita attorno.

  2. margottolina said, on 11 luglio 2008 at 419

    non ho capito un hazzo

  3. giaq said, on 11 luglio 2008 at 436

    no dai si capisce

  4. […] Siamo in una fase storica simile a quella in cui gli uomini medievali, davanti agli oceani sperduti, guardavano ai confini dell’universo con un misto di teorie scientifiche e fantastiche. E l’acceleratore di Ginevra e’ la nostra moderna caravella per capire come e’ fatto il nuovo mondo. […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: